Italia, terra di persone ridotte in schiavitù: sono 129.600. Dieci volte più che in Francia. Nella classifica mondiale siamo al 49° posto. Sopra Niger, Somalia, Malesia, Mali, Zambia, Haiti, Ghana…

venerdì, 3 Giugno, 2016

L’Italia è il secondo paese in Europa per schiavi. Sono 129.600 gli schiavi calcolati per l’Italia contro i 181.000 della Polonia, primo paese europeo nel triste primato, con l’Europa che globalmente raccoglie 1.243.000 schiavi. Nella classifica mondiale l’Italia è al 49° posto, tra Guatemala e Malesia.

 

La triste statistica fornita da Walk Free Foundation (http://www.walkfreefoundation.org/)

nel suo rapporto sulla schiavitù nel mondo calcola il fenomeno attualmente in quasi 45 milioni di persone sottoposte a schiavitù.

Sotto questo concetto rientrano tra l’altro:

il matrimonio forzato,

l’accattonaggio forzato,

la sottomissione per i debiti e l’usura,

lo sfruttamento sessuale,

il lavoro schiavizzato.

 

Il 58% del fenomeno (45,8 milioni, in 167 paesi) è riconducibile a cinque paesi:

India (18 milioni),

Cina (3,3),

Pakistan (2,1),

Bangladesh (1,5)

Uzbekistan (1,2).

Seguono:

Corea del Nord (1,1),

Russia (1,049) ecc.

Notevole in rapporto alla popolazione il livello del Qatar (30 mila): lì servono per costruire gli impianti del football.

In Uzbekistan invece servono per la raccolta del cotone.

 

L’Italia si pone in una situazione assai preoccupante poco sopra la Malesia (128 mila) e poco sotto il Guatemala (138 mila). Nella classifica su 167 paesi svetta al 49° posto, superando buona parte dei paesi del Terzo Mondo. Solo per esemplificare dopo l’Italia, sopra la soglia dei 100 mila schiavi, troviamo paesi come

Niger,

Somalia,

Malawi,

Mali,

Zambia,

Haiti,

Repubblica Dominicana,

Ghana…

 

Il resto dei paesi europei è molto lontano dall’Italia.

Colpiscono in particolare per distanza i principali paesi dell’Europa:

Germania al 117° con 14.500 persone ridotte in schiavitù

Francia al 124° posto con 12.000

Gran Bretagna al 127° posto con 11.700

Spagna al 134° con 8.400

Belgio al 157° con 2000

Austria al 159° con 1500

Svizzera al 160° con 1500

Danimarca al 161° con 1000

Irlanda al 163° con 800

 

Domanda: che ci può dire in merito il governo Renzi?

Come è possibile che in Italia ci siano 129.600 schiavi e che, solo per fare un esempio,  la Francia con una popolazione di poco superiore alla nostra ne abbia solo un decimo di tanto?

Sch 2

 

Ecco il link per le statistiche mondiali di Walk Free Foundation, l’organismo fondato da Andrew e Nicola Forrest che si batte contro la schiavitù nel mondo:

 

http://www.globalslaveryindex.org/findings/

tagged under: ..

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: