MeToo in Grecia: sotto accusa gli uomini dello spettacolo

martedì, 16 Febbraio, 2021

Grecia: anche il mondo dello spettacolo, dopo lo sport, sotto accusa per le violenze sessuali. Dopo l’avvio della denuncia da parte della campionessa olimpionica di vela Sofia Bekatorou (nella foto) che un mese fa ha avuto il coraggio di denunciare le violenze subite ora il cerchio si è allargato al mondo dello spettacolo investendo registi, direttori di teatro, attori ecc.

Sofia Bekatorou

Riprendo parti di un ampio servizio da Atene del New York Times di oggi:

"Il sindacato degli attori greci ha ricevuto nei giorni scorsi centinaia di telefonate da iscritti che denunciavano abusi.
Secondo Spyros Bibilas, il capo del sindacato molti episodi si sono verificati durante la crisi finanziaria decennale della Grecia, quando la precarietà del lavoro ha raggiunto il picco e le persone erano particolarmente vulnerabili.
In una dichiarazione all'inizio di questo mese, un altro sindacato che rappresenta gli studenti di recitazione al Teatro Nazionale greco ha denunciato "innumerevoli casi di bullismo sul posto di lavoro e violenza sessista", nonché razzismo, omofobia e altre forme di discriminazione.
Il direttore artistico del prestigioso teatro nazionale del paese, Dimitris Lignadis, si è dimesso il 6 febbraio dopo che le notizie suggerivano che avesse molestato sessualmente giovani attori. Ha negato quei rapporti. 
Harrys Tzortzakis, uno dei tre attori uomini che hanno accusato il regista Costas Zapas di molestie sessuali, ha parlato di "omertà" nel settore.
Su Facebook Zapas ha scritto: "Non ho mai spinto nessuno a comportarsi in un modo che non desiderano".
L’attore Tzortzakis in tv la scorsa settimana ha detto: "Abbiamo paura di fare nomi nel caso ci facciano causa o chissà cos'altro". 
Tre attrici hanno rilasciato una dichiarazione congiunta alla fine di gennaio accusando Kostas Spyropoulos, attore e regista, di molestie sessuali. Ha rilasciato una dichiarazione ai media greci tramite il suo avvocato chiedendo scusa per aver offeso qualcuno, quindi ha chiesto un'ingiunzione contro i canali televisivi greci per impedire loro di menzionare il suo nome in concomitanza con la messa in onda della dichiarazione, dicendo che era falsa e violava i suoi diritti.
Jenny Botsi, una delle tre attrici, ha espresso gratitudine alla signora Bekatorou per aver rotto un silenzio più ampio. La signora Botsi era una delle tante che ha detto che la signora Bekatorou li aveva ispirati a farsi avanti.
"Non sa quanto bene ha fatto", ha detto l'attrice  Botsi alla televisione greca. "Ha aperto una strada e per fortuna abbiamo colto l'opportunità."
Sette attrici hanno accusato un altro importante regista e attore, George Kimoulis, di abusi verbali e fisici, sebbene non di molestie sessuali. Ha respinto le accuse come "inaccettabili e false" e ha citato in giudizio una delle attrici.
Tuttavia, gli organizzatori del popolare Festival di Atene ed Epidauro hanno rimosso Kimoulis da uno spettacolo che dovrebbe essere messo in scena presso l'antico teatro di Epidauro quest'estate.
In una dichiarazione, gli organizzatori hanno affermato di aver agito a causa della "pesante ombra dei recenti sviluppi".

Insomma il #MeToo greco è in pieno svolgimento.

tagged under: .....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: