La foto dell’ospedale di Mariupol. Il fango della disinformazia russa

venerdì, 11 Marzo, 2022

IN DIFESA DEI FOTOGRAFI E DELLE DONNE INCINTE

Il fotografo Evghenij Malolekta (nella foto) è accusato da una serie di siti filorussi di essersi inventato le scene dell’evacuazione dell’ospedale di Mariupol.

Sono sue le foto infatti che mostrano quelle scene orribili, con molte persone coinvolte, a mala pena difese da qualche coperta gettata addosso nella fuga dall’ospedale ridotto a un colabrodo . In particolare la donna incinta che scende le scale dell’ospedale sarebbe una “modella”. E se ne fa pure il nome, quello di Marianna Podgurskaya. Che, bontà di un sito, è dichiarata peraltro davvero incinta.

Mi fermo qui.

Malolekta è insieme a un altro fotoreporter, Chernov, uno dei pochissimi rimasti a Mariupol. Lavora per Associated Press, oggi ha mandato le foto sulle fosse comuni a Mariupol.

In passato ha pubblicato con tutte le più importanti testate internazionali a partire da Time (5 milioni di copie). Le sue foto sono uscite sul New York Times, Washington Post, Der Spiegel, Newsweek, The Independent, El Pais, The Guardian, The Telegraph e altri ancora. Oggi le ho viste sul Corriere della Sera.

E questi sono i suoi premi

2015 winner in category news story APME photo contest;

2015 honorable mention of Slovak press photo International category;

2015 first and second place in genre, documentary and news category of Ukrainian press photo contest;

2015 second and third places in open nomination “Ukraine” Belarus Press photo contest;

2015 second place in category general news of China International Press Photo Contest;

2015 first place in category general news of Pictures of the Year International Competition;

2014 third place in portrait category in photo contest “Best Photographer of Russia”;

2014 grand prix of Ukrainian photo contest “Photo Day”;

2013 second place in news category of Ukrainian press photo contest;

2011 finalist of International Festival of Photojournalism Vilnius Photo Circle.

Questa accusa orribile di cui sono certo l’infondatezza e che spero venga affrontata da qualche collega sul campo mi ricorda il fango gettato a suo tempo su Robert Capa, perr la sua foto del “miliziano”. Una foto posata, così era stata l’accusa priva di qualsiasi prova documentale. Anni fa ho visto a Genova una mostra su Mario Dondero, il grande fotografo scomparso ormai sette anni fa, un amico. Una parte della mostra era dedicata alle foto che Mario era andato a fare in Spagna per ricostruire la storia di quella straordinaria foto di Robert Capa, il risultato della sua ricerca (e come dubitarne?) era che era tutto dannatamente vero.

Tutto vero.

tagged under: .....

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on: