L’avvocato Marcello Gentili: “La presenza di Silvano Russomanno quella notte in Questura a Milano è una novità che potrebbe far riaprire l’inchiesta”

giovedì, gennaio 9th, 2014

“Sono stato negativamente colpito dalla banalità e dalle inesattezze della fiction sul commissario Calabresi. Sia per la ricostruzione della figura del commissario sia per come è stato citato il processo Calabresi Lotta Continua, sia infine per come è stata presentata la morte di Giuseppe Pinelli”. Così l’avvocato Marcello Gentili che aggiunge: “In merito all’inchiesta sulla morte di Pinelli che si è fermata alle conclusioni insoddisfacenti di Gerardo D’Ambrosio credo che invece siano da poco emerse novità rilevanti di cui tener conto. In particolare mi riferisco alla presenza a Milano in Questura a partire dal 13 dicembre di Silvano Russomanno dell’Ufficio Affari Riservati. Come ha accertato la Pm Maria Grazia Pradella, nell’inchiesta per il secndo processo per Piazza Fontana ,Russomanno si era fermato con la sua squadra presso l’Ufficio politico della Questura di Milano. E ha ammesso di essere stato presente la notte del 15 dicembre quando è precipitato Pinelli. Credo che questa novità potrebbe dare adito a nuove indagini giudiziarie”.

tagged under: ...

About Paolo Brogi - View all posts by Paolo Brogi

This author has not fill out his/her bio, coming soon.

Follow paolo-admin on:

One Response to L’avvocato Marcello Gentili: “La presenza di Silvano Russomanno quella notte in Questura a Milano è una novità che potrebbe far riaprire l’inchiesta”

  1. paolo santurri says:

    Il ruolo dell’Ufficio Affari Riservati, insieme con tutti i dirigenti dell’allora ufficio politico di Milano, è stato determinante nella conduzione unidirezionale, contro gli anarchici,delle indagini sulle bombe a piazza Fontana e su tutti i gravi episodi connessi con quei comportamenti, compresa l’uccisione in questura di Giuseppe Pinelli.
    Su questo dovremo ragionare, sconfiggendo le false rapprentazioni di quei fatti che imperversano sui media

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *