Informazioni che faticano a trovare spazio

Erdogan al voto. Riusciranno i turchi a farne a meno?

Orhan Pamuk non ha ancora affrontato il nodo Erdogan. Spero che prima o poi lo faccia, così come ha fatto con “Neve” rispetto al fondamentalismo islamico.
Erdogan ha avuto il suo 68, forse un po’ tardivo, sicuramente risucchiato per lui e altri come lui dalla successiva sterzata antioccidentale. La sua militanza comincia infatti a 15 anni quando partecipa alle prime manifestazioni dell’Unione nazionale degli studenti turchi, organizzazione in cui presto passa a ricoprire ruoli di responsabilità. In quel periodo conosce il suo ispiratore, Necmettin Erbakan, fondatore del partito Partito dell’Ordine Nazionale (Mnp), avversario dell’occidentalizzazione della Turchia.
E forse tutta qua la sua storia, che lo avrebbe sostenuto poi come sindaco di Istanbul e successivamente di premier prima di diventare presidente autocrate e despota. Leggo che ha molti seguaci tra i turchi all’estero, in particolare in Germania. Chissà cosa vedono in questo autoritario e spregiudicato detentore del potere che oggi domenica 14 maggio si gioca le sue carte elettorali. Riusciranno i turchi a farne a meno? Riusciranno a liberarsi di quest’uomo che tra i suoi pregi vanta come un emblema la caccia spietata ai curdi?

Ultimi

Podlech, il Cile lo ha condannato all’ergastolo

ERGASTOLO CILENO PER ALFONSO PODLECHI giudici cileni hanno aspettato...

Era ubriaca…

“Era ubriaca, così ha favorito chi le ha fatto...

Il family day del governo

Nepotismo, argomento che sembra rinverdire alla luce del governo...

Oliver che canta i giovani sfruttati dagli uomini ricchi a nord di Richmond…

SI CHIAMA OLIVER ANTHONY ED E’ IN TESTA ALLE...